Blog WellTax

Elezioni Italia 2018: chi si candida e perché è importante

Le regole, i contendenti e i possibili esiti di un voto cruciale per il destino dell'UE

Gli italiani si recheranno alle urne il 4 marzo per le prossime elezioni europee che potrebbero contribuire a determinare il destino del blocco.

L'Italia è uno dei membri fondatori dell'UE e la terza economia della zona euro. Negli ultimi anni, però, l'euroscetticismo è aumentato, a causa del malcontento per la profonda recessione, la debole ripresa e la crisi migratoria sulle coste meridionali del Paese.

Il FT analizza le regole, i principali contendenti e i possibili esiti di questo voto cruciale.

Il sistema elettorale

Il sistema elettorale italiano non è sancito dalla Costituzione e negli ultimi 25 anni il Parlamento ha apportato tre importanti modifiche alle regole. La più recente risale al 2017, quando i legislatori hanno approvato l'attuale sistema "Rosatellum", dal nome di Ettore Rosato, deputato del Partito Democratico di centro-sinistra, autore della legge.

Ciò significa che il 61% dei seggi - 386 alla Camera bassa e 193 alla Camera alta - saranno assegnati con la rappresentanza proporzionale nazionale. Il 37% circa - 232 alla Camera bassa e 116 alla Camera alta - sarà eletto in collegi uninominali con il sistema "first-past-the-post". Gli italiani residenti all'estero eleggeranno il 2% - 12 seggi alla Camera bassa e 6 alla Camera alta.

I partiti devono ottenere il 3% del voto nazionale per ottenere una quota dei seggi proporzionali, una misura pensata per ridurre la frammentazione. Se sono alleati con un partner di coalizione più grande, i voti dei partiti che ottengono tra l'1 e il 3% vengono trasferiti al partito più forte.

Il Rosatellum è stato il prodotto di un rapido compromesso in parlamento lo scorso anno. Ma a causa della componente first-past-the-post, sembrava fatto su misura per danneggiare il Movimento Cinque Stelle, un partito anti-establishment. I Cinque Stelle sono contrari alla formazione di coalizioni e mancano di una profonda penetrazione a livello locale e di candidati esperti.

L'opposizione di centrodestra ne beneficia, poiché è riuscita a formare una coalizione. Ne fanno parte il partito Forza Italia, guidato dall'ex primo ministro Silvio Berlusconi, la Lega Nord, contraria all'euro, e Fratelli d'Italia, partito di destra. La Lega Nord, in particolare, ha un forte radicamento locale nel prospero nord.

Con i voti quasi equamente divisi tra tre gruppi - centro-destra, centro-sinistra e Cinque Stelle - il risultato potrebbe essere un parlamento appeso. Ma gli scienziati politici sostengono che se uno dei gruppi raggiunge più del 40% dei voti nel sistema proporzionale, potrebbe anche ottenere più del 65% dei seggi nella componente first-past-the-post e, plausibilmente, la maggioranza in Parlamento. Questo è il grande premio.

Le parti

Partito Democratico

Il Partito Democratico (PD) di centro-sinistra costituisce la spina dorsale della coalizione di governo guidata da Paolo Gentiloni, primo ministro. Matteo Renzi, ex primo ministro, è stato rieletto leader del partito con un programma riformista nell'aprile 2017.

Quando è diventato primo ministro nel 2014, Renzi è riuscito a rinvigorire il PD grazie al suo carisma e al suo vigore. Ma i sondaggi lo danno ora in svantaggio rispetto alla coalizione di centro-destra e ai Cinque Stelle.

Il PD sostiene tradizionalmente le politiche europeiste e l'integrazione sociale degli immigrati. È al potere dal 2013, un periodo ampiamente associato alla ripresa economica e all'espansione dell'occupazione, anche se molti italiani non ne hanno percepito i benefici. È più forte nel centro del Paese e tra le persone più anziane e con un'istruzione superiore.

Movimento Cinque Stelle

I Cinque Stelle (M5S) hanno partecipato per la prima volta alle elezioni politiche nel 2013, quando hanno ottenuto il 25% dei voti e si sono affermati come potenza chiave della politica italiana. È stato creato dal comico Beppe Grillo e dal defunto consulente internet Gianroberto Casaleggio - a cui è succeduto il figlio Davide Casaleggio - con una piattaforma che prevede democrazia diretta, economia verde e lotta alla corruzione. Il suo candidato premier è Luigi Di Maio.

Da allora il movimento è sotto i riflettori a causa delle divisioni interne, della mancanza di esperienza e della sua cattiva gestione a Roma, dove detiene il sindaco.

Forza Italia

Il partito di centro-destra di Berlusconi, Forza Italia (FI), ha dominato la politica del Paese sin dalla sua entrata in scena nel 1994, quando il magnate dei media si candidò per la prima volta. Anche quando era all'opposizione - tra il 1996 e il 2001 e di nuovo tra il 2006 e il 2008 - è stata la principale forza politica conservatrice in Italia.

L'apice del potere del partito è stato nel 2008, quando Berlusconi è stato rieletto primo ministro per la terza volta. Ma il suo sostegno è sceso al 15% dopo che Berlusconi è stato costretto a dimettersi da primo ministro nel novembre 2011 a causa di scandali legali e sessuali personali e della cattiva gestione della crisi del debito italiano.

Sebbene Berlusconi, che oggi ha 81 anni, sia interdetto dai pubblici uffici a causa di una condanna per frode fiscale, sta comunque guidando la campagna del suo partito e potrebbe essere uno dei principali responsabili del potere dopo il voto.

La rinascita del centrodestra è stata evidente nelle elezioni comunali e regionali del 2017, quando ha conquistato il controllo della città di Genova e il governatorato della Sicilia.

Lega Nord

La Lega Nord (LN) è un partito euroscettico e anti-immigrati con sede nel nord del Paese. Sebbene la sua causa principale fosse il federalismo fiscale - e persino la secessione - da Roma, ora si è orientata verso un programma nazionalista di destra più tradizionale, sulla falsariga del Fronte Nazionale francese.

Il suo sostegno nei sondaggi d'opinione è aumentato negli ultimi tre anni sulla scia del crescente sentimento anti-immigrazione a seguito della crisi migratoria italiana. Alle ultime elezioni politiche era una parte marginale della coalizione di centro-destra, ma ora può contare su una base di sostegno simile a quella di Forza Italia.

Liberi e Uguali

Dopo che Renzi e il PD hanno perso il referendum costituzionale nel 2016, un gruppo di dissidenti di sinistra - tra cui veterani come Massimo D'Alema e Pier Luigi Bersani - ha disertato e ha formato una nuova forza politica. Questa si è evoluta in Liberi e Uguali (LeU), guidata dall'ex procuratore antimafia e presidente del Senato Pietro Grasso.

Il suo obiettivo è catturare i voti degli italiani di sinistra disillusi che credono che il PD sia troppo centrista e non amano lo stile di leadership di Renzi. Tuttavia, candidandosi separatamente dal PD, il partito si espone alla critica di spianare la strada a una vittoria del centrodestra o dei Cinque Stelle.

Fratelli d'Italia

Fratelli d'Italia (FdI) è un partito nazionalista-conservatore guidato da Giorgia Meloni, romana e leader del partito, che è stata ministro in un precedente governo Berlusconi.

Il nome del partito rispecchia quello dell'inno nazionale italiano e il suo manifesto è carico di politiche nativiste contro l'immigrazione e la globalizzazione.

Fratelli d'Italia è un discendente del Movimento Sociale Italiano, che ha ereditato il ruolo del defunto partito fascista italiano nell'Italia del dopoguerra.

Risultati potenziali

Secondo le ultime proiezioni sull'assegnazione dei seggi, nessun partito o coalizione raggiungerà la maggioranza - almeno 316 seggi. Tra le possibili coalizioni, in base agli attuali sondaggi, ci sono:

Una grande coalizione

Centro-sinistra e centro-destra.

Questa sarebbe la grande coalizione più ampia possibile, che potrebbe comportare un governo tecnocratico diretto dal presidente Sergio Mattarella, nell'interesse di mantenere la stabilità. Ma in realtà qualsiasi grande coalizione sarà probabilmente molto più ristretta, con parti del centro-destra - in particolare la Lega Nord e Fratelli d'Italia - e del centro-sinistra - in particolare le fazioni di sinistra del PD - che si divideranno.

Questo ha portato molti politologi a chiedersi se i numeri saranno sufficienti per una grande coalizione funzionante dopo il voto.

Un governo anti-euro

Movimento 5 Stelle, Lega Nord e Fratelli d'Italia.

Lo scenario più destabilizzante per l'UE sarebbe una forte performance dei Cinque Stelle, con il movimento che cercherebbe partner per formare un governo basato sulla messa in discussione dell'euro, sulla revisione dell'adesione alla Nato e sull'adozione di una posizione dura sull'immigrazione. Su ognuno di questi temi, però, esiste un'ampia gamma di opinioni anche all'interno dei partiti anti-establishment, per cui è tutt'altro che scontato che possano trovare un terreno comune.

Un caramello

L'esito più probabile è una grande coalizione molto debole e instabile - o addirittura un governo di minoranza - con i legislatori che cambiano schieramento e fedeltà in base ai singoli voti in parlamento.

Nuove elezioni

Se i tentativi di formare un governo dovessero fallire ripetutamente dopo il voto, Mattarella potrebbe essere costretto a indire nuove elezioni, prolungando l'incertezza politica del Paese - uno scenario vicino a quello sperimentato in Spagna negli ultimi anni.

Metodologia

In ogni momento, il sondaggio del FT considera la media di tutti i sondaggi pubblicati nell'ultimo mese. La media dei loro risultati viene ponderata per dare ai sondaggi più recenti una maggiore influenza sul punteggio netto.

Articolo tratto dal "Financial Times

Articoli correlati

24 luglio, 2024

Imposta sulle società nel Regno Unito: Una panoramica completa

10 luglio, 2024

Potenziale Strategia Fiscale del Nuovo Governo Laburista

Cerca qualcosa