Blog WellTax

Attività immateriali FRS 102 - In breve

26 luglio 2022

Un'attività immateriale deve soddisfare la definizione di attività per essere iscritta in bilancio. Il Glossario dell'FRS 102 definisce un 'asset' come segue: "una risorsa controllata dall'entità come risultato di eventi passati e dalla quale ci si aspetta che affluiscano all'entità benefici economici futuri". La parola "possedere" e il concetto di "proprietà" non sono menzionati nella definizione. Al contrario, il termine "controllo" è illustrato nel concetto.

Per suddividere le attività si possono utilizzare due categorie di beni: materiali e immateriali. Un'attività non finanziaria identificabile, priva di sostanza fisica, viene descritta come una attività immateriale nel paragrafo 18.2 del FRS 102. L'avviamento, il patrimonio netto del marchio, la proprietà intellettuale come i brevetti, la ricerca e lo sviluppo e le licenze sono le tipologie più comuni di attività immateriali.

Secondo l'FRS 102:18.8, se ciascuno dei tre requisiti elencati di seguito è soddisfatto, le attività immateriali acquisite attraverso un'aggregazione aziendale saranno rilevate:

  • Dato che il costo o il valore dell'attività può essere determinato con precisione, e la riconoscimento sono soddisfatti, è probabile che l'entità riceverà i benefici economici futuri attesi attribuibili all'attività;
  • L'attività immateriale deriva da diritti contrattuali o altri diritti legali, e;
  • È separabile se può essere venduto, trasferito, dato in licenza, affittato o scambiato separatamente o in combinazione con un contratto, un'attività o una passività correlati.

 

A meno che l'elemento non soddisfi la definizione di attività immateriale, vi sia una ragionevole aspettativa di benefici economici futuri dall'attività e il costo dell'attività possa essere valutato in modo affidabile, la spesa per un elemento immateriale è rilevata come costo. Le attività immateriali sono classificate in due tipologie: acquistate e generate internamente. Le attività immateriali acquistate sono trattate contabilmente in modo simile alle attività materiali, con la capitalizzazione del prezzo di acquisto. Tuttavia, la contabilizzazione delle attività create internamente richiede una maggiore considerazione.

Le spese di ricerca e sviluppo sono classificate come attività immateriali generate internamente e, in quanto tali, devono soddisfare determinati criteri per essere riconosciute sia secondo gli standard britannici sia secondo quelli internazionali. Non è possibile capitalizzare le spese di ricerca, in quanto l'entità non è in grado di dimostrare l'esistenza di un'attività immateriale che molto probabilmente produrrà benefici economici futuri durante la fase di ricerca del progetto. Di conseguenza, tutte le spese di ricerca vengono ammortizzate nel conto economico nel momento in cui vengono sostenute.

Se invece sono soddisfatti i seguenti requisiti, è possibile rinviare la spesa di sviluppo e riportarla come attività immateriale ai sensi dello SSAP 13: il progetto è tecnicamente fattibile, commercialmente valido e ha un ambito di applicazione chiaramente definito. Si prevede inoltre che i ricavi previsti superino i costi stimati e che il progetto disponga delle risorse necessarie per essere completato. Dopo la capitalizzazione dei costi di sviluppo, l'attività deve essere ammortizzata per tutta la sua durata finita, secondo il principio della competenza. L'ammortamento non può iniziare fino all'avvio della produzione commerciale. Alla fine di ogni periodo contabile, ogni progetto di sviluppo deve essere riesaminato per verificare che i criteri di rilevazione siano ancora soddisfatti. Se i criteri non sono più soddisfatti, i costi precedentemente capitalizzati devono essere immediatamente ammortizzati nel conto economico.

In termini di ammortamento, secondo l'FRS 102 nessuna attività immateriale può avere una vita utile indefinita. Quando un'attività immateriale è creata come risultato di un contratto o di un altro diritto legale, la vita utile di tale attività non può superare la durata di tali diritti. Tuttavia, può essere più breve se l'entità intende utilizzare l'attività immateriale per un periodo più breve. In circostanze eccezionali, l'FRS 102 limita l'ammortamento a dieci anni. Supponiamo che la direzione aziendale sia in grado di fornire prove a sostegno della stima della vita utile di un'attività immateriale, che potrebbe ragionevolmente avere una durata superiore a dieci anni. In tal caso, le attività immateriali possono essere ammortizzate per tale periodo.

 

Camilla Formicola

Foto di Kevin Ku su Unsplash

Articoli correlati

09 Maggio, 2024

Servizio di Segreteria Aziendale: Persona con controllo significativo (PSC) in sintesi

12 febbraio 2024

Acquisto di una proprietà attraverso una società a responsabilità limitata nel Regno Unito: Una guida completa

Cerca qualcosa