logo
Dividendi - Come distribuirli al meglio
  • 17 Maggio, 2019

L’obiettivo di questo articolo è quello di descrivere il processo e i requisiti fondamentali per il pagamento di un dividendo legale e legittimo. Per iniziare, è importante essere consapevoli del fatto che ci sia un rigoroso quadro normativo che disciplina il pagamento dei dividendi. Tali normative vengono applicate qualunque sia la dimensione della società. Nel caso in cui queste non dovessero essere rispettate, il pagamento di un dividendo sarà ritenuto illegittimo.

Che cosa è un dividendo?

Un dividendo è la modalità di pagamento che un'azienda adotta per distribuire denaro a coloro i quali hanno investito del capitale in essa, ovvero i suoi azionisti. I dividendi sono utili (e potenzialmente efficienti da un punto di vista fiscale) per fornire un reddito supplementare a quello normalmente percepito dai proprietari di un’attività. Sono utilizzati anche per premiare gli investitori o per spostare denaro tra gruppi di società.

I tipi più comuni di dividendi sono:

Dividendi finali – emessi una volta all'anno dopo la preparazione dei bilanci annuali. In genere sono stabiliti annualmente dagli amministratori e "dichiarati" (approvati) da parte degli azionisti.

Dividendi infra-annuali (ad interim) – questi sono normalmente dichiarati dagli amministratori societari e pagati in qualsiasi periodo dell'anno finanziario della società.

Per dichiarare la legittimità di un dividendo ci sono una serie di requisiti legali che devono essere soddisfatti prima della sua emissione:

  1. La società deve avere utili distribuibili sufficienti.

Questi sono rappresentati dai profitti accumulati dalla società, ai quali verranno sottratti le sue perdite. Se i profitti disponibili non fossero sufficienti a coprire la somma di dividendi prestabilita, non sará quindi possibile effettuare il loro pagamento.                                                                                                

  1. I dividendi devono essere giustificati facendo riferimento ai bilanci.

Gli amministratori devono necessariamente disporre dei bilanci societari per dimostrare che ci sia liquidità a sufficienza per poter distribuire gli utili aziendali.

Per giustificare la distribuzione dei dividendi, gli amministratori si potranno affidare agli ultimi bilanci societari depositati (se tali bilanci mostrassero utili distribuibili insufficienti, il dividendo dovrà essere giustificato con riferimento ai bilanci piú recenti, non ancora pubblicati).

In alternativa, se il dividendo venisse dichiarato nel primo anno fiscale societario, questo dovrà essere preparato in base al primo bilancio fiscale.

  1. Gli amministratori devono considerare l’attuale posizione finanziaria della società e le sue prospettive finanziarie.

I bilanci societari infatti rappresentano solo una parte del quadro complessivo di una società, in quanto essi saranno redatti prima del momento in cui gli amministratori saranno in grado di prendere una decisione in merito all’opportunità di pagare o meno un dividendo.

Gli amministratori, infatti, devono considerare attentamente:

- la posizione finanziaria della società al momento della loro decisione (qualora qualcosa fosse cambiato successivamente alla stesura dei bilanci);

- una previsione della posizione finanziaria futura della società, qualora dovessero pagare dividendi.

Essi quindi devono assicurarsi che la società avrà la capacità di soddisfare le proprie obbligazioni anche qualora ci siano profitti sufficienti a pagare i dividendi.

In ultimo, la società dovrà anche possedere liquidità a sufficienza per poter pagare dividendi. La sua liquiditá é strettamente correlata alle questioni esposte in questo paragrafo.

  1. Controllare lo statuto societario dell'azienda

Di solito, lo statuto di una società contiene disposizioni riguardanti la procedura per il pagamento di dividendi. Ad esempio, i dividendi possono essere pagati esclusivamente su azioni intere. Oppure, il pagamento dei dividendi potrebbe essere limitato a una determinata classe di azioni. Di solito, gli azionisti hanno diritto a ricevere dividendi in proporzione al numero di azioni che detengono – ad ogni modo, lo statuto deve essere esaminato con attenzione. Lo stesso, infatti, potrebbe contenere indicazioni sul modo in cui i dividendi devono essere autorizzati.

  1. Rispettare i doveri da amministratore

Nel momento in cui gli amministratori sono in procinto di decidere se dichiarare un dividendo o meno, essi dovranno tenere bene a mente le loro obbligazioni. Queste ultime comprendono:

- Comportarsi nei limiti dei propri poteri nel promuovere il successo dell’azienda a beneficio complessivo dei suoi membri;

- Esercitare le proprie competenze ragionevolmente e con cura;

- Dichiarare un interesse nel pagamento proposto (questo sarà rilevante, per esempio nel caso in cui l’amministratore avesse anche delle quote societarie).

Queste obbligazioni coinvolgono la tutela patrimoniale dell’azienda (vedi punto 3).

  1.  Documentare la decisione di dichiarare

L’ amministrazione dovrebbe garantire la preparazione di documenti che attestino le decisioni prese durante il processo di dichiarazione dei dividendi. I documenti dovrebbero includere riferimenti alle informazioni finanziarie sulle quali gli amministratori si sono basati e le obbligazioni considerate per adempiere ai doveri da amministratori.

Conseguenze delle dichiarazioni di dividendi illeciti

Qualora il processo non venisse eseguito correttamente, il dividendo non sarà considerato legittimo, implicando conseguenze potenzialmente gravi. Ad esempio:

  • Un azionista che ha ricevuto un dividendo illegittimo dovrà rimborsarlo (interamente o in proporzione alla somma considerata illegittima) alla società se essa ne é a conoscenza, o se ha ragioni inconfutabili per ritenere che il dividendo abbia violato le leggi in vigore. A maggior ragione, se l'azionista è anche un amministratore, sarà particolarmente difficile sottrarsi a tale obbligazione.
     

Un amministratore che ha autorizzato il pagamento di un dividendo illegittimo potrebbe avere violato i suoi doveri da amministratore. In questo caso esso potrebbe essere ritenuto il diretto responsabile dell’azione illecita e dovrá rimborsare la società, pur non essendone un azionista.

Categoria: Blog

Inserisci un commento

Per inserire un commento devi essere registrato.
Se sei già registrato procedi con il login.

Registrati

Dichiaro di aver letto e accettato l’informativa sulla privacy (Leggi l'informativa)

Informativa sulla Privacy
Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento EU 679/2016

Data ultimo aggiornamento 19.05.2018

Con il presente documento la WellTax Limited, titolare del sito www.well-tax.com, (d’ora in poi, “Sito”), informa l’interessato (Utente) che i suoi dati personali, relativi alla navigazione all’interno del Sito medesimo, con accesso diretto dalla homepage oppure attraverso sottopagine, saranno trattati con massima cura e con strumenti atti a garantirne idonea sicurezza. Si specifica che la presente informativa – conforme a quanto stabilito dall'articolo 13 del Regolamento EU 679/2016 – non è da considerarsi valida per altri siti web eventualmente consultabili tramite i link ivi presenti.

1. TIPOLOGIA DI DATI TRATTATI.

1.1. Dati derivanti dalla navigazione dell’Utente.

Questi dati, attraverso il normale funzionamento del Sito, sono acquisiti e trasmessi implicitamente nell’uso di protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma, per loro stessa natura, attraverso l’elaborazione con dati detenuti da terzi, potrebbero permettere di identificare gli Utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli Utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell’Utente. Tali attività di elaborazione e associazione dei dati non sono mai svolte dal titolare del trattamento, sono utilizzati al solo fine di controllare il corretto funzionamento e vengono cancellati in automatico dopo l’elaborazione.

1.2. Dati conferiti volontariamente dall’Utente.

Questi dati sono forniti dall’Utente, nel corso della volontaria interazione con il Sito, attraverso la compilazione del form per i contatti o a mezzo e-mail, al fine di richiedere informazioni o per qualsivoglia scopo personale. Per tutti i dati conferiti volontariamente è rilasciata, da parte dell’Utente stesso, espressa autorizzazione al trattamento.

2. COOKIES

Per informazioni sull’uso dei cookies all’interno del Sito, visitare l’apposita Informativa sui Cookies www.well-tax.com/it/cookie.php.

3. WIDGET DI SOCIAL NETWORK

I “social plugin” sono pulsanti presenti sul Sito che raffigurano le icone di social network (come Facebook, Twitter, Instagram, ecc.) e che permettono all’Utente di interagire direttamente con le piattaforme sociali, ad esempio condividendo contenuti.

4. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO DEI DATI

Il trattamento dei dati dell’Utente viene effettuato per le seguenti finalità:
raccolta di dati immessi e inviati volontariamente dall’Utente attraverso la compilazione del “form contatti” predisposto all’interno del Sito, alla pagina Contatti;
raccolta di dati inviati volontariamente dall’Utente per mezzo di e-mail agli indirizzi indicati nel Sito;
riscontro a richieste di informazioni;

5. TITOLARE DEL TRATTAMENTO DEI DATI

Il titolare del trattamento è la WellTax Limited con sede legale in 402a City Gate House, 246-250 Romford Road, London E7 9HZ. Il titolare è contattabile attraverso i seguenti recapiti, reperibili altresì alla pagina Contatti:
Telefono: +44 (0) 20 3581 1717;
E-mail: info@well-tax.com.

6. MODALITÀ DEL TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEI DATI

Il trattamento dei dati sarà svolto in forma elettronica e automatizzata, per il tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. I dati personali trattati attraverso il Sito non saranno oggetto di diffusione e/o comunicati a terzi, e verranno conservati presso la sede del fornitore del servizio di housing del server, con modalità, tempi e strumenti volti a garantire la massima sicurezza e riservatezza.

7. NATURA DEL CONFERIMENTO E RIFIUTO A CONFERIRE I DATI

Il conferimento dei dati personali da parte dell’Utente, per le finalità sopra menzionate, è libero e facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati stessi comporterà l’impossibilità di fornire riscontri ai messaggi inoltrati o che l’interessato intenda inoltrare attraverso il form di contatto o a mezzo e-mail.

8. DIRITTI DELL’INTERESSATO

Il Regolamento GDPR garantisce agli interessati una serie di diritti sui propri dati personali trattati dal Titolare del trattamento. In particolare, informiamo che la Legge agli Utenti riconosce i diritti di cui agli artt. 15, 16, 17, 18, 20, 21, 77 e 82 del GDPR (es. di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei propri dati, la cancellazione dei dati trattati in violazione di legge, la rettifica, l'opposizione per motivi legittimi al loro utilizzo, ecc.).
Il Titolare si impegna a fornire riscontro entro 30 giorni e, in caso di impossibilità a rispettare tali tempi, a motivare l’eventuale proroga dei termini previsti. Il riscontro avverrà a titolo gratuito salvo casi di infondatezza o richieste eccessive per le quali potrà essere addebitato un contributo spese non superiore ai costi effettivamente sopportati per la ricerca effettuata.
Per qualsiasi richiesta di informazioni e/o chiarimenti, domande o reclami sul trattamento dei dati personali e al fine di valere i suoi diritti, l’Utente interessato deve rivolgersi per iscritto all’indirizzo e-mail info@well-tax.com, oppure a mezzo raccomandata a/r indirizzata a: WellTax Limited con sede legale in 402a City Gate House, 246-250 Romford Road, London E7 9HZ.

9. MODIFICHE ALL’INFORMATIVA SULLA PRIVACY

La WellTax Limited si riserva il diritto di modificare, aggiornare, aggiungere o rimuovere parti della presente Informativa sulla Privacy a propria discrezione e in qualsiasi momento. L’interessato è tenuto a verificare periodicamente le eventuali modifiche pubblicate sulla presente pagina web.

Login
Ricevi i nostri aggiornamenti tramite la Newsletter